News

“ LA VITA E’ BELLA”

A casa di Sergio per conoscerci meglio

Manca poco alla conclusione della giornata, ma più che stanchi ci sentiamo tutti particolarmente emozionati, infatti a distanza di un anno assistiamo, quasi increduli alla conclusione del ritratto di Gigi.

Sergio non vuole perdersi questo momento, decide quindi di abbandonare il divano per sedersi accanto a Gigi e prendergli la mano.

In questo clima di profonda empatia condividiamo le emozioni legate a questo momento soffermandoci sull’importanza dei legami affettivi e di quanto ci facciano sentire bene.

L’entusiasmo di Sergio cresce fino ad esplodere in uno di quei sorrisi che noi tutti conosciamo, preludio di gioia incontenibile: “ Siete tutti invitati a casa mia ”.

Accettiamo subito l’invito predisponendo i nostri cuori nella gioia dell’attesa. Finalmente il giorno è arrivato.

Le attenzioni e tutta la preparazione nell’accoglierci ci fanno sentire ospiti speciali e il dono di questa consapevolezza ci accompagna per tutta la durata della visita. Nel calore della cucina esposta al sole si parla di fede, di speranza, di vita reale. Tra le immagini che ci portiamo dentro e che più ricorderemo c’è quella relativa alla storia della malattia di Sergio.

“Abbiamo fatto come nel film la vita è bella, - ci dice la figlia Orietta; lui stava male, in silenzio, immobile, abbiamo voluto che Cristian, che all’epoca aveva solo due anni, si godesse comunque la vicinanza del nonno. Ci siamo impegnati a trasformare tutto in un gioco, la sofferenza c’era, ma la speranza era più forte, così da farci credere che Sergio sarebbe guarito. Alla sedia a rotelle appendevamo i palloncini colorati e lo facevamo gareggiare col piccolo Cristian e il suo triciclo”.

Ci piace pensare a questa gara vinta da entrambi perché spinti da un vento che non termina con un traguardo, ma che si spinge ben oltre perché alimentato dall’amore.                                                            

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             SILVIA